Bandi e Fondi Europei

I fondi europei sono il principale mezzo finanziario che l'Unione Europea mette a disposizione per integrazione economica e sociale dei Paesi membri.
europa-1

Tali strumenti consistono in contributi a fondo perduto assegnati dal Consiglio dell'Unione ai Programmi Operativi ritenuti meritevoli presentati da ogni Paese e rientrano nel quadro finanziario dell'Unione Europea. Il periodo di interesse per i fondi in esame va dallo 01/01/2014 al 31/12/2020, in cui l'Unione europea investirà circa 1.000 miliardi di euro nella crescita e nell'occupazione.

Si possono distinguere due tipologie di fondi europei: i fondi gestiti direttamente dalla Commissione europea e i fondi la cui gestione è demandata direttamente agli Stati Membri attraverso le loro amministrazioni (nazionali, regionali o locali).

Nel caso dei finanziamenti europei a gestione diretta è la Commissione europea con sede a Bruxelles, o una sua Agenzia delegata, che eroga i fondi direttamente agli utilizzatori finali e che stabilisce autonomamente i criteri di funzionamento dei vari programmi comunitari attraverso la partecipazione ai bandi. I fondi diretti si dividono in programmi intracomunitari, che coinvolgono i Paesi membri dell'Unione e riguardano politiche interne di interesse europee e in programmi di cooperazione esterna, che promuovono la cooperazione dei Paesi membri con Paesi terzi rispetto all'Unione.

La realizzazione dei programmi è attuata principalmente attraverso gli Inviti a presentare proposte(Calls for proposals) più comunemente detti "bandi".

I bandi comunitari contengono la descrizione del programma e la sua dotazione finanziaria, la procedura e i termini di presentazione delle proposte, l'importo del contributo finanziario dell'unione europea, i requisiti minimi per poter partecipare, i criteri di selezione e gli indirizzi presso i quali si può ottenere la documentazione informativa . Per accedere ai fondi è necessario presentare una proposta progettuale direttamente alle Direzioni Generali della Commissione europea. I progetti necessitano di un partenariato composto da enti di più Stati membri (generalmente, tre o più Stati) o, in alcuni casi, di Paesi Terzi.

I progetti selezionati devono avere elevato valore innovativo e un valore aggiunto europeo, ovvero le soluzioni prospettate per raggiungere gli obiettivi dell'Unione europea devono essere validi anche per più Stati membri.

La percentuale di co-finanziamento dei costi progettuali varia tra il 50% e il 100% del costo totale del progetto. E' quindi necessario un cofinanziamento con risorse proprie del beneficiario, fondi nazionali, sponsor privati, prestiti bancari, apporti in natura (personale retribuito, uso di locali e infrastrutture, ecc.)

Chi può partecipare?
Le piccole e medie imprese (PMI) possono richiedere sovvenzioni, prestiti e garanzie. Possono inoltre partecipare alle gare per la fornitura di beni e servizi.

Per poter essere considerata una PMI, un'azienda deve avere:

  • da 50 a 250 dipendenti

  • un fatturato anno fino a 50 milioni di euro, oppure un bilancio annuo fino a 43 milioni di euro.

Vuoi entrare nella più grande community di produttori del made in Italy

Registrati ora

Commenti