Tessuti  Ecosostenibili: Tendenza Moda

La moda è come una locomotiva veloce, arriva a destinazione, fa una breve sosta e riparte con un carico sempre diverso.

Questo i produttori di abbigliamento e gli stilisti di moda ,lo sanno perfettamente. Creare una collezione non è cosa semplice ai giorni nostri. Il primo step da superare è la ricerca dei tessuti e accessori.

La moda, dagli inizi degli anni 90, ha cambiato volto.
Le continue e pesanti critiche mosse alle aziende del tessile in merito all’incontrollata lavorazione dei tessuti che impattava in modo nocivo sull’ambiente e sull’uomo hanno indotto le aziende a cambiare rotta, a modificarsi e a diventare più attente all’ambiente e alla salute del consumatore
ecologia e ambiente tessuti

Inizialmente la moda green e sostenibile è stata per  lo più appannaggio di piccoli brand e start-up che si rivolgevano ad un pubblico di nicchia, nell’ultimo periodo le proposte e le iniziative green si sono moltiplicate anche da parte dei grandi nomi e maison storiche del mondo della moda portando una rivoluzione sull’utilizzo dei tessuti riciclabili.

 Riciclare:come?

Beh! Se ci guardiamo intorno, siamo circondati da materiale riciclabile, pronto per essere riutilizzato, pronto per essere riportato al loro secondo ciclo di vita, ma la nostra pigrizia non ce ne fa rendere  conto. Viviamo l‘epoca dei “fast fashion brand" che sono entrati  a far parte della nostra routine quotidiana, piu semplicemente chiamata l’epoca dell’ usa e getta...nulla più si ripara tutto diventa velocemente obsoleto.

Oggi finalmente I tessuti eco-friendly stanno cambiando l’industria della moda a favore dell’ambiente.

Come trovano il materiale ecosostenibile le aziende che hanno aderito a  questa tendenza?

Guardandosi intorno:

  • dagli scarti dei tessuti delle aziende manifatturiere, che altrimenti andrebbero bruciati ( inquinando l’aria),
  • dal mare che è diventata un’enorme discarica,
  • dalla nostra madre natura
  • dagli alimenti.

Ci sono aziende che hanno attuato presso le loro sedi la raccolta degli indumenti usati e con la politica del “non si butta via nulla” creano intere collezioni di abbigliamento.

Dal mondo vegetale invece arrivano  le eco-pelli derivate dagli scarti di lavorazione del vino e dai funghi, in questo modo viene salvaguardato il regno animale che per alcune specie è in via di estinzione

La pelle dal micelio dei funghi

Che cos’è la "Great Pacific Garbage Patch"

L’hanno battezzata l’isola di plastica "Ocean Waste" che si trova nell’Oceano Pacifico.La sua grandezza è 3 volte la Francia.

Ma la plastica è un materiale per eccellenza riciclabile.Questo materiale recuperato in mare, come ad esempio bottiglie e reti di plastica viene utilizzato per produrre occhiali, maglioni in pile e  sneakers. In particolare, utilizzando le rete di plastica è stata prodotta la Ocean Waste la famosa  sneakers sostenibile del celebre brand Adidas.

adidas tessuti


Moda abbigliamento proveniente da scarti  alimentarì, cosa ne pensate?

Una nuova ricerca fatta da alcune aziende ha appurato che il latte non sia soltanto un alimento da bere, ma anche da indossare, la fibra di latte infatti è fresca, leggera e assorbe bene il sudore.

Dallo scarto di questo prodotto si può ottenere la quantità di filato necessaria per produrre un abito da sera, una shirt.

eco-tessuto dalle fibre di latte

Se i tessuti derivati dal mondo vegetale sono più che comuni, ancora insoliti sono i filati che provengono dagli scarti industriali alimentari come: bucce di banana, bucce di arance , le foglie di ananas e i fusti delle piante di lino, canapa e canna da zucchero – in fibre naturali indossabili, utilizzabili per produrre capi di abbigliamento.

tessuti vegetali

Tessuti ecologici: C come crostacei

Che anche i crostacei entrano nel sistema della moda green è invece una novità.

Già durante l’EXPO di Milano i crostacei e la famiglia degli insetti sono stati presentati come il cibo del  futuro che troveremo sulle nostre tavole, ma è scientificamente provato che possono essere utilizzati anche per creare abbigliamento ecosostenibile.

Dagli scarti dei crostacei infatti viene estratto una sostanza che mescolata a fibre naturali quali lino, cotone e lana, da origine ad  un tessuto ecologico antiallergico e completamente biodegradabile, particolarmente indicato per la realizzazione di qualsiasi tipo di indumento, soprattutto intimo, sia per adulti che per bambini.

Ultimo arrivato tra i materiali ecosostenibile e considerato un materiale vegano è la fibra tessile di Canna di Bambù

Negli ultimi anni vanno diffondendosi i capi di abbigliamento e gli accessori realizzati con il filato di bambù

Con questo materiale si ha la possibilità di riprodurre colorazioni vivaci e una grande varietà di sfumature. Questo consente allo stilista che usa il bamboo di non avere alcuna limitazione creativa.

Se sei un produttore di abbigliamento Made in Italy e condividi la nuova tendenza "Un futuro  sostenibile" registrati su  Makersvalley per entrare in contatto con tutti i nostri Designer che vogliono creare la loro collezione in Italia,

Suggerisci il materiale giusto da utilizzare per rendere Green la loro creazione.

Vuoi entrare nella più grande community di produttori del made in Italy

Registrati ora

 

Commenti